Calendario eventi

«   Maggio  2017   »
Oggi
LunMarMerGioVenSabDom
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031

L'Osservatorio è aperto tutti i sabati dalle ore 21.15, se non diversamente specificato nel calendario.


Warning: file_get_contents(http://apod.nasa.gov/apod/astropix.html) [function.file-get-contents]: failed to open stream: Unable to find the socket transport "ssl" - did you forget to enable it when you configured PHP? in /usr/local/www/77.223.1.58/osservatoriosoresina.it/common/code/apod.php on line 3

Warning: strpos() [function.strpos]: Offset not contained in string in /usr/local/www/77.223.1.58/osservatoriosoresina.it/common/code/apod.php on line 5

Foto astronomica del giorno

Astronomy picture of the day

La torre dell'osservatorio

L'Osservatorio Astronomico Pubblico

L' Osservatorio Astronomico Pubblico di Soresina è stato inaugurato alla presenza di Astronomi di fama mondiale il 2 Giugno 1974.

Fra i primi realizzati in Italia a scopo didattico e divulgativo, è settimanalmente aperto al pubblico per visite serali. Posto nel centro storico della città, è costituito da una torre alta 20m alla cui sommità è posta la specola. È gestito dal Gruppo Astrofili Soresinesi secondo apposita convenzione con il Comune di Soresina.

Nella sala d'ingresso è ospitata una raccolta di rari minerali e fossili unica nella zona. Ai piani superiori si trovano la sala Multimediale per gli incontri con le scolaresche e i gruppi di studio ed il centro elaborazione dati. Inoltre sono esposte fotografie di oggetti celesti e di antichi telescopi. Nella specola infine gli strumenti principali costituiti da tre telescopi, un riflettore e due rifrattori.

L'Osservatorio Astronomico Pubblico è aperto ogni sabato sera, dalle ore 21.15 alle ore 23.30, con ingresso libero e gratuito per osservazioni del cielo con i telescopi (in caso di tempo favorevole).

Il Gruppo Astrofili Soresinesi è anche disponibile per l'organizzazione di sessioni osservative con propri strumenti al di fuori dell'Osservatorio, in occasione di eventi particolari. Si organizzano anche incontri e sessioni osservative con le scolaresche, sia presso l'Osservatorio (in orario serale), che presso le scuole stesse (in orario serale o nel weekend).

telescopi all'interno della cupola

I Telescopi dell'Osservatorio

All'interno della specola, la cupola in rame girevole dal diametro di 3,70 metri posta alla sommità della torre, è installato uno strumento astronomico composto da un telescopio riflettore a specchio di tipo Newtoniano di 310 mm di diametro e con focali di 1670 e di 2920 mm, un telescopio rifrattore del diametro di 120 mm e 1700 mm di focale, un cercatore rifrattore del diametro di 80 mm.

Il telescopio riflettore raccogliendo 1800 volte la luce che riceve l'occhio umano, permette l'osservazione di oggetti celesti molto deboli, quali nebulose e galassie, invisibili ad occhio nudo o con strumenti amatoriali più modesti. È anche possibile accoppiare i due tubi ottici per formare un sistema Coudè, in grado di raddoppiare la focale del Newtoniano.

Il movimento del telescopio è stato oggetto di recente modifica, eliminando le componenti elettroniche ormai obsolete e risalenti agli anni '70, sostituendole con un più comodo, compatto e potente sistema di guida FS2, fornito dalla Astro-Electronics. Di conseguenza è stato anche recentemente riprogettato il movimento in declinazione del sistema di tubi ottici, che in precedenza non era motorizzato, grazie all'aiuto dell'officina meccanica Bellincioni. Il nuovo sistema di guida è un sistema di puntamento attivo, motorizzato quindi su entrambi gli assi. Ciò significa che, oltre che a inseguire gli ogetti celesti che si intendono osservare nel loro moto nel cielo, è possibile anche puntarli automaticamente e con precisione, riducendo enormemente i tempi di osservazione. Inoltre il sistema di guida FS2 è anche collegato a un PC tramite connessione seriale, in modo da puntare gli oggetti semplicemente selezionandoli su un planetario virtuale (molti sono anche gratuiti e disponibili nella pagina link utili).

Sul terrazzo esterno alla specola è presente una seconda piccola cupola che permette l'installazione di un secondo telescopio, più piccolo di quello principale, come strumento di riserva o per l'osservazione di eventi di grande rilevanza.